Come risparmiare con la PEC

Share
Risparmi

Il singolo cittadino, nelle faccende economiche quotidiane, va incontro anche alla necessità di spedire documenti.

Recandosi oggi in un ufficio postale per chiedere il costo base (peso 20 gr.) di una Raccomandata A.R., si scopre che bisogna pagare 5,95 euro.

Ma oggi sempre più siamo catapultati nel mondo digitale, e allora si scopre facilmente che è possibile eseguire spedizioni sicure anche con la PEC.

Tecnicamente si definisce come un sistema di posta elettronica che fornisce al mittente documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l’invio e la consegna del messaggio di posta e degli eventuali allegati, nonché delle identità del mittente e del destinatario della PEC (il suo valore legale, può essere garantito solo se utilizzata, sia dal mittente sia dal destinatario della comunicazione).

Per la pubblica amministrazione, ma anche per altri soggetti (Professionisti, Aziende e Partite iva) la PEC rappresenta soprattutto un’occasione di formidabile risparmio.

Permette, infatti, un consistente abbattimento dei costi delle comunicazioni cartacee, con notevole impatto su diverse parti della spesa: dai costi di generazione e imbustamento dei documenti, alle spese per stampe e fotocopie, agli oneri legati ai servizi di spedizione tradizionali, nonché ai costi legati agli spazi di archiviazione.

Ma il vantaggio per il suddetto cittadino?

Semplice, attraverso uno dei soggetti denominati “gestori”, preventivamente autorizzati e iscritti in un apposito elenco Ministeriale, è possibile crearsi la propria casella di posta elettronica certificata, con un costo annuale che parte da 5 euro (costi inferiori alla suddetta raccomandata e per n volte, unitamente a un risparmio notevole di tempo).
Il costo garantisce 1 Gb di spazio, più che sufficiente per l’uso privato familiare.

Eccone alcuni esempi:

  • l’invio di documenti alla P.A.;
  • l’invio e la ricezione delle comunicazioni per le riunioni di condominio;
  • le comunicazioni con le banche e gli istituti finanziari;
  • la prenotazione di visite mediche e ritiro dei relativi referti.

Alessandro Gaetani

Share