Porte girevoli tra Istituzioni e Banche

Share

Porte girevoli

Le revolving door o porte girevoli rappresentano generalmente il passaggio dal mondo delle istituzioni al mondo del business e viceversa, passaggio attraverso il quale le persone coinvolte portano con sé un inestimabile bagaglio di contatti conoscenze, esperienze che possono essere messe a disposizione dei nuovi datori di lavoro.

Allo stesso modo, anche se meno frequente avviene il meccanismo inverso cioè di manager privati, magari con il ruolo di interlocutori per le relazioni istituzionali, che nel corso della loro carriera mettono la loro professionalità a servizio delle istituzioni.

In Italia se ne è fatto un gran parlare recentemente per via di passaggi da Istituzioni di vigilanza agli organi amministrativi di banche.

Qui la Banca d’Italia dice la sua sui tanti articoli pubblicati dai media sulle porte girevoli nelle banche italiane.

Nel rispetto delle leggi (limite temporale di divieto passaggio a mercato del lavoro privato, ecc.), se da un lato la risorsa di provenienza istituzionale avrebbe potuto presentare benefici per le banche (maggiore attenzione al rispetto di leggi e norme, ecc.) dall’altro sollevava potenziali conflitti di interesse con i quali era necessario confrontarsi, in modo da non compromettere l’integrità di chi ha operato nelle istituzioni e soprattutto la fiducia nelle banche destinatarie, da parte di risparmiatori e investitori.

In particolare i maggiori rischi sono legati a:

Informazioni: l’ex istituzionale può avere accesso a informazioni riservate che ha acquisito durante il suo mandato e può utilizzarle per assicurare un indebito vantaggio per il nuovo datore di lavoro;
Indipendenza: è possibile che l’ex istituzionale possa favorire l’adozione di un determinato regolamento in modo da contrattare così un impiego con un futuro datore di lavoro;
Accesso: l’ex istituzionale in virtù del suo passato all’interno dell’istituzione ha creato un network di contatti con i suoi ex colleghi che possono essere utilizzati per ottenere ingiustificati benefici personali e vantaggi indebiti.

clicca qui per i libri sull’argomento

Per adesso nella relazione di chiusura del proprio operato la Commissione Banche ha proposto il divieto di passaggio da una posizione di controllore a controllato.

Alla prossima legislatura spetta il compito di legiferare per cercare di regolamentare lo scambio di esperienza tra istituzioni e banche.


Alessandro Gaetani

Share

Lascia un commento