Archivi categoria: Assicurazioni

Le Assicurazioni e le innovazioni tecnologiche

Share

Anche in ambito assicurativo siamo nel bel mezzo di una rivoluzione tecnologica.
Perfino in Italia.

Quanti sanno ad esempio che, in alcuni ambiti come la black box, il nostro Paese è tra i leader a livello mondiale con oltre 7.5 milioni di auto connesse e un tasso di penetrazione di oltre il 20% ancora in crescita?
E che è previsto che le spese delle Compagnie in advanced analytics e intelligenza artificiale aumenteranno globalmente di oltre il 50% nei prossimi cinque anni?

Stiamo parlando di temi, attentamente seguiti dall’Organo di vigilanza (Ivass), che stanno stravolgendo il nostro rapporto con le assicurazioni. E allora ecco che si fanno avanti termini come la cyber insurance, l’utilizzo di device e sensori connessi alla IoT (Internet delle cose). Come pure la blockchain, conosciuta dai più come strato tecnologico alla base dello sviluppo delle monete virtuali (i bitcoin ed esempio) ma che può essere utilizzata anche in ambito assicurativo.

Ne ha parlato, infatti, recentemente Riccardo Cesari (Commissario Ivass) in un suo intervento: “la tecnologia blockchain consente di trasferire informazioni, documenti, ecc. in modo sicuro e interoperabile tra soggetti accreditati dal sistema senza il bisogno dell’intervento di un’autorità che certifichi le transazioni. Ad esempio in ambito assicurativo le sue applicazioni potrebbero riguardare la gestione dei processi tra compagnie assicurative e assicurati (prodotti e modalità distributive innovative come peer to peer insurance o gli smart contratcs”.

Sono contratti in forma digitale validi dal punto di vista legale (se firmati con digital signature legalmente riconosciuta). Un esempio concreto per capirci: Una polizza a copertura del ritardo di un volo aereo verrebbe automaticamente pagata laddove il sistema riceve la notifica dell’avvenuto ritardo da una fonte certa.

Lo stesso Cesari ci conferma che “l’Ivass partecipa ad una sperimentazione sull’utilizzo di blockchain nel settore assicurativo con partner privati. Con un occhio di riguardo per i consumatori affinché ne abbiano reali benefici in termini di maggiore trasparenza e tutela, facilità d’uso e sicurezza nella fruizione di beni e servizi, aumento della concorrenza del mercato”.

Alessandro Gaetani

Fonte: Comunicato stampa Ivass

Share

Polizza negozio: con le slot paghi di più

Share


Gestire un’attività commerciale è una scelta di vita impegnativa.

Ti deve piacere il contatto con il pubblico, devi appassionarti alla merce venduta (per esempio telefonia, abbigliamento, etc. – tutto il non food) o a quella somministrata (nel caso di bar, pizzerie d’asporto, etc. – il food).

Dalla Vetrina al Magazzino. Come Allestire il Negozio, Scegliere gli Addetti alla Vendita e Conquistare i Clienti. (Ebook Italiano – Anteprima Gratis)

Si è però esposti ad alcuni eventi non desiderati. Problematiche derivanti dalla gestione dello spazio commerciale come ad esempio un infortunio di un cliente nel locale, oppure l’esposizione a tentativi di furti e rapine per portar via l’incasso della giornata.

Tutti eventi per i quali è possibile trasferire, tutto o in parte il rischio in capo alle Compagnie di Assicurazioni, sottoscrivendo specifiche polizze sull’esercizio commerciale.

Quando il gioco si fa duro: Dalle slot machine alle lotterie di Stato: come difendersi in un Paese travolto dall’azzardomania

Da alcuni anni però, per effetto della capillare diffusione su tutto il territorio nazionale delle apparecchiature per il gioco d’azzardo elettronico (nel nostro Paese sono presenti circa 400mila slot machine, metà di tutte quelle presenti negli USA), alcune attività commerciali (bar, tabaccherie, etc.) sono diventate dei veri e propri “bancomat” a cielo aperto, dentro cui i malintenzionati si recano per effettuare “prelievi” (i dati più recenti riportano che, in media, una slot rende all’esercente che la istalla nel proprio locale, circa 1500 euro al mese).

SALVADANAIO A FORMA DI SLOT MACHINE FUNZIONANTE A PILE – PER RITIRARE IL DENARO DEVI VINCERE DAVVERO IL JACKPOT – IDEA REGALO

Sulle condizioni generali di una qualsiasi polizza multirischi commercianti si legge che “….la copertura assicurativa furto e rapina garantisce i beni (arredamento, attrezzature, macchinari, merci e Valori) contenuti nei locali ove si svolge l’attività”, come pure “…i guasti di Fissi e infissi e i guasti ai locali causati dagli autori del Furto o della Rapina, anche se solo tentati, compresi gli atti vandalici”.

Ma bisogna prestare attenzione alle maggiorazioni sui premi da pagare e soprattutto agli scoperti previsti in polizza, poiché alcune Compagnie di Assicurazioni, hanno già inserito nelle condizioni, delle penalizzazioni in presenza di apparecchiature per il gioco d’azzardo elettronico (slot machine, etc.).

Pertanto è necessario valutare bene la convenienza all’istallazione delle anzidette apparecchiature, e verificare se la propria Compagnia rientra tra quelle che già applicano le suddette penalità.

Alessandro Gaetani

Share

Come controllare l’andamento della propria polizza vita

Share


Per tutte le polizze (tranne quelle caso morte) è previsto l’invio al contraente del rendiconto annuale che riporta le principali informazioni sull’andamento della polizza: premi versati, eventuali riscatti parziali, per le polizze c.d. rivalutabili tasso di rendimento della gestione separata a cui sono collegate le prestazioni, ecc.

Inoltre sui giornali e su internet è possibile rintracciare altre informazioni di seguito specificate per le due macro categorie di polizze:

per le polizze rivalutabili le imprese pubblicano su almeno due quotidiani a diffusione nazionale e sul loro sito internet, il prospetto della composizione della gestione separata e il relativo rendiconto, nonché il prospetto semestrale della composizione della gestione separata;

per le polizze unit linked viene pubblicato sui siti internet delle imprese e su almeno un quotidiano a diffusione nazionale il valore della quota del fondo a cui è collegata la polizza. In questo modo, moltiplicando il valore della quota per il numero delle quote possedute si può avere un’idea del valore della sua polizza;

per le polizze index linked stipulate prima del 1° novembre 2009, viene pubblicato sui siti internet delle imprese e su almeno un quotidiano a diffusione nazionale il valore del parametro di riferimento a cui è collegata la polizza. Ciò significa che vedendo che il valore è superiore a 100 è possibile capire che la polizza sta avendo un andamento positivo. Per i contratti stipulati successivamente al 1° novembre 2009 vengono pubblicati i valori di riscatto. In questo caso, per sapere l’importo che sarà liquidato si può moltiplicare il premio versato per il valore pubblicato sul giornale e dividerlo per cento. Occorre però anche verificare se le condizioni di polizza prevedono delle penali per il caso di riscatto nei primi anni di durata del contratto e tenere conto di eventuali prelievi fiscali.

Generalmente, il nome dei giornali è indicato nella documentazione contrattuale che viene stata consegnata alla sottoscrizione della polizza. La maggior parte delle imprese pubblica i dati sui giornali finanziari più diffusi (Il Sole 24 Ore, Milano finanza ecc).
Fonte Ivass

Alessandro Gaetani

Share

4 consigli per le polizze dal concessionario

Share


Partendo da un’inchiesta effettuata dall’Associazione di consumatori Altroconsumo presso i rivenditori auto di varie marche automobilistiche , l’Ivass (Organo di vigilanza delle assicurazioni) ha pubblicato un report della successiva analisi svolta sul mercato delle polizze assicurative abbinate dai concessionari auto ai finanziamenti rivolti all’acquisto di veicoli offerti in promozione da diverse case automobilistiche.

Viste le diverse criticità emerse dall’indagine, tra cui i rapporti societari tra case automobilistiche, enti erogatori dei finanziamenti e imprese assicurative tali da produrre situazioni di conflitto di interesse in danno dei consumatori, e l’ elevato livello dei costi delle polizze, dovute ad altissime provvigioni, non giustificabili alla luce dell’attività svolta dai finanziatori/intermediari assicurativi, l’Ente fornisce i seguenti consigli:

1) se intendi accettare un’offerta commerciale per l’acquisto di un veicolo a rate, fai attenzione a eventuali proposte di polizze assicurative a protezione del credito abbinate al finanziamento;

2) se decidi di sottoscrivere la polizza abbinata al finanziamento, sappi che hai diritto di conoscere, prima della sottoscrizione del contratto, caratteristiche, costi, natura ed estensione delle coperture, massimali, eventuali franchigie, scoperti, ecc.;

3) anche dopo aver sottoscritto la polizza, se ritieni di non aver fatto la scelta giusta, hai il diritto recedere dal contratto generalmente entro i successivi 60 giorni (verifica sempre nelle condizioni di polizza);

4) chiedi al concessionario di fornirti un dettaglio separato dei costi per l’acquisto del veicolo, di quelli derivanti dall’operazione di finanziamento e di quelli connessi alla polizza assicurativa.

Alessandro Gaetani

Share

La crescita economica affonda nell’obesità

Share
Fonte Istat

Uno degli ultimi rapporti McKinsey (Società di consulenza, che enumera fra i propri clienti le più grandi aziende, istituzioni e governi del mondo) “Overcoming obesity: An initial economic analysis”, ha trattato il tema dell’obesità mondiale e di come, insieme al sovrappeso incide sul Pil nei vari Paesi. (attualmente il 30% della popolazione mondiale è afflitta da questa vera e propria emergenza per l’economia di tutto il mondo).

Anche per il nostro Paese l’impatto economico è notevole (il 2,9% del Pil, pari a 48,6 miliardi di euro per cure e investimenti per ridurla). Il fenomeno è aumentato di poco in Italia negli ultimi dieci anni, rispetto ad altri paesi Ocse (fonte: Health Statistics 2014): da 8.6% nel 2000 a 10.4% nel 2012, percentuale calcolata in base ai dati di altezza e di peso auto-riferiti. L’aumento della prevalenza dell’obesità lascia prevedere un aumento di patologie croniche quali il diabete e le malattie cardiovascolari, con ripercussioni importanti sulla spesa sanitaria futura (nel 2016 era il 45% la percentuale di popolazione italiana tra obesi e in sovrappeso – dati Istat).

Come in molti altri paesi europei, la spesa sanitaria in Italia è diminuita negli ultimi anni, a seguito degli sforzi del governo per ridurre i disavanzi di bilancio nel contesto della crisi economica. In molti paesi OCSE, tra cui l’Italia, una riduzione della spesa farmaceutica ha contribuito alla riduzione complessiva della spesa sanitaria. In Italia, la spesa farmaceutica è diminuita ogni anno dal 2009, con una riduzione di oltre il 6% in termini reali nel 2012. Tra il 2008 e il 2012, la spesa per i farmaci è scesa del 14% in termini reali.

Si tratta quindi di esercitare campagne di sensibilizzazione sul tema, si legge nel rapporto McKinsey, che bisognerebbe cominciare da una più sana alimentazione, andando a limitare l’assunzione di quei cibi che, se assunti quotidianamente, risultano dannosi per l’organismo e aumentare per esempio le ore di educazione fisica nelle scuole, e il movimento in generale dei cittadini. Buona passeggiata!

Alessandro Gaetani

Share

Ivass: le Assicurazioni per lo sviluppo del Paese

Share

Assicurarsi è trasferire un rischio in capo a una Compagnia di Assicurazioni.
Nella polizza di Responsabilità Civile, per esempio, vuol dire farsi “aiutare” dalla Compagnia a sopportare la perdita che si subisce (patrimoniale, etc.), al fine di riconoscere il danno economico alla controparte danneggiata.

In un recente intervento Salvatore Rossi, presidente dell’Ivass l’Organo di Vigilanza delle Compagnie Assicurative ha affermato l’importanza delle Assicurazioni per lo sviluppo italiano “Le Assicurazioni sono fondamentali per l’economia del Paese: aiutano famiglie e operatori economici a pensare al futuro, a tutelarsi, a ridurre i rischi. Le imprese assicurative devono evolvere insieme con la tecnologia e i bisogni degli assicurati. Devono sapere correttamente comunicare al pubblico i loro cambiamenti.”
Nello specifico si è focalizzato su tre aree:

Salute: “Si deve pensare a formule assicurative che partano dall’età lavorativa: ad esempio includendo l’assicurazione del rischio di non autosufficienza fra le materie oggetto di contrattazione collettiva”.

Vecchiaia: “Ciascuno di noi deve acquisire consapevolezza circa la pensione pubblica che prenderà un giorno. In qualche caso, soprattutto per disoccupazione o precariato prolungati, questa potrebbe essere molto bassa, simile alla pensione sociale. Tutti devono sapere che tocca ora anche a loro essere previdenti sulla propria vecchiaia, non è più solo un compito dello Stato”.

Disastri naturali: “Una soluzione possibile prevede un sussidio statale a investimenti obbligatori per tutti in prevenzione, cioè in dotazioni anti-sismiche e anti-alluvionali, che consenta di abbassare i premi sulle assicurazioni. Grazie alla riduzione dei premi, gli abitanti delle zone più sicure ne pagherebbero uno molto basso sulla loro assicurazione obbligatoria e quelli delle zone meno sicure ne pagherebbero uno abbordabile, in cambio di una molto maggior sicurezza. Lo Stato coglierebbe il suo obiettivo sociale e le compagnie potrebbero ridurre i premi senza rimetterci, e anzi guadagnando dall’allargamento del mercato”.

Certo, se mai avviene un sinistro, sembrano soldi buttati.
E’ l’imprevedibilità della vita (probabilità, caso, etc.).

Alessandro Gaetani

Share

Assicurazioni: a chi inviare un reclamo?

Share

GUIDA AL RISPARMIO – Risparmiare su Bollette, Assicurazione, Casa… -: Risparmia e vivi una vità più SERENA – Edizione 2015

Se si ha un problema con una Compagnia di assicurazione, la prima cosa da fare è inviarle un reclamo.

Ogni Compagnia di assicurazione, infatti, ha un Ufficio Reclami tenuto a esaminare e valutare le lamentele della propria clientela e che deve fornire la risposta entro 45 giorni dalla ricezione del reclamo.

Questo può essere presentato dal contraente, dall’assicurato, dal beneficiario di un contratto di assicurazione o dal danneggiato e dalle associazioni riconosciute per la rappresentanza degli interessi dei consumatori.

Si legge sul sito dell’Organo di Vigilanza www.ivass.it, che se non si riceve la risposta nei 45 giorni oppure non si è soddisfatti della risposta fornita dalla Compagnia di Assicurazioni, è possibile rivolgersi all’IVASS (Organo pubblico di Vigilanza sulle Assicurazioni).

Il reclamo all’IVASS deve contenere una lamentela circostanziata del comportamento che si ritiene irregolare o scorretto della Compagnia di assicurazione. Per la presentazione del reclamo è stato predisposto dall’Ente di vigilanza un modulo da utilizzare per fornire tutti gli elementi necessari alla trattazione dello stesso

Qui trovi il modulo fac-simile di reclamo all’IVASS: scarica il form reclamo

Infatti nel reclamo bisogna indicare:

  • i dati anagrafici del reclamante (nome, cognome, indirizzo postale e se disponibile anche indirizzo PEC e l’eventuale recapito telefonico);
  • l’indicazione dell’impresa di assicurazione di cui si lamenta l’operato; la chiara e sintetica descrizione del motivo di lamentela;
  • copia del reclamo già trasmesso all’impresa e dell’eventuale risposta ricevuta e di eventuali altri documenti utili alla trattazione del caso.

E’ possibile presentare il reclamo all’IVASS tramite:

  • una mail alla casella di posta elettronica certificata: tutela.consumatore@pec.ivass.it;
  • a mezzo fax al numero 06.42133206;
  • e naturalmente a mezzo posta all’indirizzo IVASS Servizio Tutela del Consumatore Via del Quirinale, 21 00187 Roma.

Attenzione però, se il reclamo riguarda polizze di assicurazione finanziarie (Unit linked e Index linked) il riferimento è la Consob (via G.B. Martini, 3 – 00198 Roma – www.consob.it), se riguarda le forme di previdenza complementare (fondi pensione) il riferimento è la Covip (via in Arcione, 71 – 00187 Roma – www.covip.it).

Alessandro Gaetani

Divertiti con questo libro:

Share

La digital health insurance

Share

Qui trovi gli strumenti di autocheckup per la tua salute e per risparmiare sulle coperture assicurative!

Esemplare smartwatch
Esemplare smartwatch

Il messaggio pubblicitario dice: “Elegante e facile da usare, lo smartwatch da indossare in tutte le occasioni, dall’ufficio allo yoga, dalla passeggiata al monitoraggio dell’attività cardiaca, diventa un amico da consultare al polso, a metà tra il medico e il personal trainer”.

E’ un esempio di strumento di auto-checkup, facente parte della cosiddetta e-health che indica il complesso di soluzioni e tecnologie informatiche applicate alla salute e alla sanità attraverso il supporto di strumenti informatici, personale specializzato e nuove tecniche di comunicazione medico-paziente.

Oltre al suddetto auto checkup, tre sono i principali settori di sviluppo di queste applicazioni:

  • La telemedicina (l’insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono l’erogazione di servizi sanitari per la cura di un paziente a distanza);
  • il telecontrollo (l’insieme di soluzioni informatiche collegate ad apparati con sensori per l’assistenza in remoto);
  • Il wellness tracking (è il comparto che racchiude strumenti di monitoraggio delle attività fisiche e di allenamento).

E’ avvalendosi di questi strumenti e tecnologie che si sta sviluppando, anche nel nostro Paese, la digital health insurance attraverso soluzioni assicurative innovative e servizi integrati digital oriented.

Alcune Compagnie di assicurazioni hanno lanciato recentemente dei programmi assicurativi, aventi la finalità di premiare chi si tiene in forma attraverso il monitoraggio del movimento, con strumenti tecnologici e tutoring personalizzati.

Per esempio l’assicurato, recandosi in una delle agenzie delle compagnie promotrici, può usufruire di sconti sul premio da pagare sulla polizza salute, abbinandovi un braccialetto elettronico (in omaggio), realizzato da una società specializzata nello sviluppo di queste tecnologie, che consente il monitoraggio di alcuni parametri di benessere.

In altri casi con l’acquisto di dispositivi wireless innovativi (quali ad esempio misuratore di pressione), è possibile usufruire gratuitamente per la durata di 3 anni, della polizza sanitaria individuale base (che copre spese per grandi interventi chirurgici, prestazioni dentistiche, visite specialistiche ecc.).

Alessandro Gaetani

Share

Alla larga dai derivati

Share

I derivati godono ancora oggi di troppa libertà e di poca regolamentazione.

Sarà ormai noto a tutti che si tratta di contratti, aventi a oggetto attività finanziarie, il cui valore varia con la loro quotazione di mercato: ad esempio, azioni, obbligazioni, tassi di interesse, valute, e persino indici su tali attività. Peccato che, i derivati, da strumenti di copertura del rischio (termine assicurativo) si siano trasformati in un gioco da casinò.

Sì proprio quello di roulette e fiche!

Infatti, i derivati, grazie alla tecnologia e al fatto che sono diventati delle vere e proprie “scommesse” hanno generato una massa enorme di denaro “virtuale” contagiando l’intero mondo. Il loro valore attuale è superiore di varie volte al Pil terrestre (si stima che nel mondo la massa dei derivati in circolazione ammonti a 300 miliardi di dollari), estromettendo di fatto l’economia reale. Infatti i derivati, sono arrivati anche ai prodotti alimentari (caffè, mais, olio, etc.) alterando, di fatto, i prezzi finali di prodotti cibari che arrivano sulle nostre tavole.

Leggevo qualche giorno fa un documento della Fao, che ormai da diversi anni a questa parte mette in guardia dalle conseguenze che questi hanno sulla fame nel mondo, dove i banchieri si sostituiscono agli agricoltori nel determinare i prezzi degli alimenti.

L’investimento in derivati è, non a caso, ancora oggi oggetto delle cronache finanziarie, che riportano come persino molti enti territoriali (Regioni, Comuni, Province) abbiano, forse inconsapevolmente, investito in derivati, essendo così incorsi – a seguito dell’andamento negativo dei mercati – in un’esposizione finanziaria gravissima.

Warren Buffet

In una recente intervista al Financial Times, Warren Buffet (Investitore di maggiore successo del XX secolo. Seconda persona più ricca degli Stati Uniti. Guru numero uno della finanza mondiale), ancora una volta ha definito i derivati “armi finanziarie di distruzione di massa”.

Per i risparmiatori è bene starne alla larga, anche quando si trovino in altri prodotti finanziari “strutturati” (polizze index linked, obbligazioni strutturate, etc.).

Alessandro Gaetani

Share

La sanità italiana in evoluzione

Share

sanità

Sanità a pagamento e sanità negata sono due facce della stessa crisi sanitaria del nostro Paese, alle prese con una domanda crescente di sanità da parte di cittadini che invecchiano e che sono sempre più affetti da cronicità” è il quadro che emerge dalla fotografia sull’evoluzione della sanità italiana effettuata nel 2016 dal Centro studi investimenti sociali (Censis).

La mangiatoia: Perché la sanità è diventata il più grande affare d’Italia

In Italia, nel 2015, la spesa sanitaria privata è salita a 34,5 miliardi di euro con un aumento reale di +3,2% rispetto al 2013 ed è cresciuto ulteriormente il numero di italiani che ha dovuto rinunciare o rinviare prestazioni sanitarie in un anno: erano 9 milioni nel 2012, sono diventati oltre 11 milioni nel 2016 (+2 milioni).

Competizione, sostenibilità e qualità: Quale futuro per il welfare sanitario italiano?

Dall’analisi emergono alcune tendenze che connotano il rapporto degli italiani con la sanità in conseguenza dei cambiamenti sui servizi sanitari pubblici: erosione della qualità del Servizio sanitario nella sua componente pubblica e convenzionata; lunghe liste di attesa; ricorso all’intramoenia; ticket sanitari meno convenienti; crescente ruolo della sanità privata.

In estrema sintesi si può dire che l’incubo delle liste di attesa troppo lunghe è il perno esplicativo dei comportamenti sanitari degli italiani di questi ultimi anni; esse obbligano i cittadini a usare il privato e l’intramoenia come porta di accesso accelerato alla cura. È in crescita la domanda di strumenti sanitari integrativi; basti pensare che nel 2014, selezionando un campione di famiglie italiane, si è stimato che 5 milioni di persone sarebbero interessate a conoscere meglio questi strumenti ed eventualmente a sottoscriverli.

Il 5,7% delle famiglie intervistate è già in possesso di un’assicurazione sanitaria privata mentre il 4,6% intende acquistarla in futuro.
Nella graduatoria tra i fattori rilevanti di scelta, da parte dei sottoscrittori di polizza o potenziali tali, figurano in ordine di importanza: rimborso di prestazioni sanitarie effettuate in strutture private; copertura assicurativa dell’intero nucleo familiare; possibilità di tagliare i tempi per le prestazioni; accesso a strutture convenzionate; possibilità di scelta di un ampio ventaglio di strutture di cura.

Alessandro Gaetani

Leggi anche:

La necessita di risistemare i fondi sanitari

Fondi sanitari: cosa succede se perdi il lavoro

La sanità non è uguale per tutti

Share