Archivi categoria: Risparmio e Finanza

Abi, 15 consigli per operare on line in sicurezza

Share


Le tre parole chiave sono: sicurezza, protezione e riservatezza.
Le banche rispondono efficacemente alle esigenze di sicurezza della propria clientela, attraverso presidi tecnologici, iniziative di formazione del personale e campagne di sensibilizzazione. La sicurezza informatica, tuttavia, passa anche attraverso la collaborazione dei clienti delle banche.

Ecco le principali regole da seguire per operare online in modo comodo e sicuro e segnalate da Associazione bancaria Italiana nell’ambito del progetto realizzato da Bancaria Editrice con il contributo di prestigiosi interlocutori quali Polizia di Stato, CERTFin e Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio (Feduf), che verrà diffuso con la collaborazione di 12 associazioni dei consumatori.

Il marketing bancario: La banca offline e online al servizio delle famiglie, delle imprese, del paese

Per usare in sicurezza l’home banking
1. Per connetterti al sito della banca digita direttamente l’indirizzo nella barra di navigazione e controlla che il nome del sito sia scritto correttamente; non cliccare mai su link che rimandano al sito della banca se sono all’interno di email o sms sospetti.
2. Quando sei sul sito della banca, clicca due volte sull’icona del lucchetto nella barra di navigazione e verifica la correttezza dei dati che vengono visualizzati.
3. Modifica periodicamente i codici di accesso alla tua area riservata e controlla regolarmente le movimentazioni del conto corrente per assicurarti che le transizioni riportate siano quelle che hai realmente effettuato. I sistemi di notifica messi a disposizione dalla tua banca possono essere molto utili per verificare le operazioni.

Per usare in sicurezza il mobile banking
1. Installa e mantieni sempre aggiornati l’antivirus, il sistema operativo e gli applicativi e ricorda di disattivare il WI-Fi, la geolocalizzazione e il bluetooth quando non li usi.
2. Utilizza esclusivamente app ufficiali e, in fase d’installazione, fai attenzione ai permessi richiesti assicurandoti che siano strettamente connessi al servizio che intendi utilizzare. In caso di furto o smarrimento del tuo dispositivo avverti la tua banca affinché interrompa il servizio app di mobile banking.
3. Per maggiore sicurezza imposta il blocco automatico del tuo dispositivo quando entra in modalità pausa e, quando possibile, attiva la crittografia del dispositivo e della memory card.

Per usare in sicurezza le carte di pagamento
1. Custodisci la tua carta con cura e mai insieme al PIN. Non comunicare al altri le informazioni di dettaglio delle tue carte.
2. Se ti accorgi di un uso non autorizzato della tua carte comunicalo subito alla tua banca; mentre se la smarrisci o te la rubano, bloccala immediatamente, in modo da evitarne l’uso fraudolento e rivolgiti alle forze dell’ordine per sporgere denuncia.
3. Quando sei allo sportello automatico (ATM) della banca segui alcuni accorgimenti, come impedire che qualcuno possa leggere il tuo PIN mentre lo digiti o lasciarti distrarre da estranei mentre compi operazioni.

Per usare in sicurezza l’e-commerce
1. Evita di effettuare transazioni online da computer condivisi o postazioni in luoghi che potrebbero essere poco sicuri, come hotel e internet caffè e al termine di ogni acquisto, ricorda di effettuare il log-out dal sito e-commerce.
2. Utilizza credenziali diverse per autenticarti su siti diversi ed evita il “salvataggio automatico” delle password sui programmi di navigazione.
3. Valuta sempre le recensioni lasciate da altri utenti sull’affidabilità del venditore a cui ti stai rivolgendo.

Per usare in sicurezza il computer
1. Verifica che siano attivi gli aggiornamenti automatici del sistema operativo e degli altri software istallati. Mantieni sempre aggiornato un antivirus ed elimina periodicamente i cookies (i file che vengono creati quando si visita un sito web) e i file temporanei internet utilizzando le opzioni del tuo programma di navigazione.
2. Non aprire mai allegati o link sospetti, soprattutto nel caso di file che terminano con.exe e non istallare software se non sei certo che siano affidabili.
3. Non utilizzare memorie esterne di dubbia provenienza; verifica la sicurezza di questi dispositivi facendo le scansioni automatiche previste dai principali antivirus al momento dell’istallazione.

Alessandro Gaetani

Fonte (Comunicato Stampa ABI).

Share

Commissione banche, ogni mondo è paese!

Share

Mentre in Italia la commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario ha terminato i suoi lavori con la relazione finale del 30 gennaio scorso, che non ha accontentato tutti, in Australia lo scorso mese di febbraio sono partiti i lavori della commissione istituita dal parlamento nazionale per indagare sul comportamento scorretto nel settore bancario, dei fondi pensione e dei servizi finanziari.

Il presidente ed ex giudice dell’Alta Corte, Kenneth Hayne nel suo intervento di apertura alla prima udienza pubblica ha rivelato che i consumatori non sono sempre trattati con onestà ed equità, in particolare quando di tratta di mutui sulla casa o finanziamenti sull’auto, carte di credito, e collocamento di prodotti finanziari.

E dire che la professoressa Annamaria Lusardi, chiamata a guidare in Italia il Comitato nazionale per l’educazione finanziaria, rispondendo alla domanda della giornalista Lucilla Incorvati del Sole24Ore, su cosa serve per la diffusione dell’educazione finanziaria dichiarava che dal punto di vista delle competenze finanziarie tra i Paesi più evoluti sull’alfabetizzazione finanziaria fin dalle scuole vi era proprio l’Australia.

Curioso poi che in un Paese come la terra dei canguri, dove le regole sono molto severe in tanti ambiti, un senatore, John ‘Wacka’ Williams, si sia dovuto dichiarare deluso da “tutta la cultura del profitto prima delle persone” nel settore bancario, dei fondi pensione e dei servizi finanziari e ha incoraggiato le persone a presentare le loro storie online.

Sembrerebbe infatti che, molti risparmiatori coinvolti negli scandali bancari hanno raggiunto un accordo e firmato un atto di transazione con le banca e/o l’istituzione finanziaria e che in quell’accordo, c’è quasi sempre una clausola che dice che non puoi parlare contro la stessa.

QUI PUOI COMPRARE 200 FRANCOBOLLI AUSTRALIA

«Spero che le azioni sbagliate vengano punite e che i problemi culturali nel settore finanziario vengano risolti a favore delle generazioni future», ha affermato il senatore Williams «gli australiani hanno bisogno di avere fiducia nei servizi finanziari».

Dunque più educazione finanziaria anche in Australia, perché ogni mondo è paese!

Alessandro Gaetani

Share

Arriva l’edizione 2018 del Salone del Risparmio

Share

Salone del Risparmio 2018

“La sfida di una nuova globalizzazione”

Questo sarà il tema portante del Salone del Risparmio 2018 che si terrà dal 10 al 12 aprile al MiCo di Milano.

Si approfondirà la relazione che l’industria del risparmio gestito ha con i suoi principali stakeholder (istituzioni, mondo della distribuzione, consulenti finanziari, reti e tessuto produttivo).

Di seguito i macro temi trattati nei tre giorni di Salone:

1° giorno: risparmio per la crescita;
2° giorno: risparmiare con fiducia;
3° giorno: risparmio per il Paese.

“La prima globalizzazione ha portato a un aumento del potere economico-politico delle multinazionali a scapito degli Stati. La seconda apre nuove sfide che richiedono un ruolo più forte delle istituzioni. A tutti i livelli. È necessario progettare lo sviluppo con particolare attenzione anche a fattori climatici o a dinamiche demografiche. Bisogna trovare nuove soluzioni per garantire la crescita e la sostenibilità delle economie e correggere gli effetti socio economici che hanno creato disagio, ineguaglianze, instabilità del quadro geopolitico mondiale” ha dichiarato su Focus Risparmio Jean-Luc Gatti, chief communications officer di Assogestioni

Dunque l’appuntamento è negli spazi del MiCo Milano dove i riflettori saranno puntati sui processi in atto su scala mondiale e su come l’integrazione economica abbia ampliato le opportunità di produzione, di consumo, di risparmio e di investimento.

Alessandro Gaetani

Share

Rafforza i tuoi investimenti

Share


Informarsi, decidere in base a regole talvolta contrarie a quello che dice l’istinto e
tenere a bada le emozioni. Non è facile. Soprattutto nel rapporto con il denaro
.

La frase chiave del mio blog Economiafamiliare.it è: “Quando parliamo della gestione dei nostri risparmi, non esistono banalità”.

Infatti, i tre principi enunciati di seguito seguono questa regola, diversificare, non smobilizzare i propri investimenti se non se ne ha bisogno, tenere comportamenti anti istintivi.

Diversificare
Diceva mio nonno che quando andava a vendere le uova nei villaggi montani del Cilento si muniva di due cestini. Così se fosse scivolato da un lato avrebbe salvato il contenuto del cestino che portava dall’altro lato. Non farlo avrebbe significato perdere la possibilità di guadagnare denaro e/o scambiare le uova con altri prodotti.

Non smobilizzare i propri investimenti se non se ne ha bisogno
Investire denaro che mi potrebbe servire a breve è purtroppo un comportamento troppo diffuso. Nei mercati finanziari bisogna darsi tempo per una probabile soddisfazione. Se si è costretti a liquidare si potrebbe andare incontro a una perdita.

Tenere comportamenti anti istintivi
Essere anti istintivi vuol dire fare il contrario di quello che pensi di fare. Per esempio se ci si è resi conto che si è scelto male un titolo obbligazionario: si sta perdendo? Forse conviene venderlo in perdita ed evitare il peggioramento della performance. Il discorso vale anche nel caso contrario. Fai correre i guadagni.

Allenati al Self control!

Alessandro Gaetani

Share

Italia: più prestiti alle famiglie

Share


Tra la fiducia nel futuro e la doverosa attenzione all’insolvenza, aumentano anche nel nostro Paese, le famiglie che si rivolgono al credito al consumo.

Bankitalia ci dice che la crescita dei prestiti alle famiglie è vivace, ma il livello di indebitamento delle famiglie italiane è nettamente inferiore alla media europea.

Assofin è l’associazione che riunisce i principali operatori finanziari che operano nei comparti del credito alla famiglia. È impegnata a contribuire alla trasparenza e alla migliore conoscenza del comparto del credito alla famiglia. A tale scopo ha promosso alcune iniziative ispirate a principi di trasparenza e chiarezza nei confronti dei consumatori.

Una di questa è Monitorata. È un’ autovalutazione guidata della propria condizione finanziaria. Utile per poi approcciarsi alle banche e finanziarie, ed è a disposizione gratuitamente in forma anonima senza dover fornire informazioni personali. Serve per simulare la sostenibilità, anche nel tempo, del finanziamento che si sta valutando di acquisire.

L’esito di questa procedura è una risposta con un indicatore colorato: la vicinanza al verde indica una buona sostenibilità, viceversa più si è vicini al rosso e meno ci sono condizioni di sostenibilità del finanziamento nel corso del tempo.

Provate a farlo anche voi!

Alessandro Gaetani

Share

Acquisti in famiglia: sfida tra negozio, web e tv

Share


Scriveva Enzo Biagi: “c’è la tv verità, la tv strappalacrime, la tv di piazza e poi la tv che fa spettacolo e infine, o anche in principio, la tv spazzatura: quella che urla, attacca, polemizza, lancia insulti e anche spruzzi di acqua minerale”.

Comunque sia guardare la tv è un’abitudine consolidata fra la popolazione italiana di 3 anni e più: il 92,2% delle persone la guarda e l’86,7% di queste lo fa con frequenza giornaliera.

Anche per effettuare acquisti! Avete presente le televendite?

L’osservatorio di QVC Italia, il retail multimediale dello shopping e dell’intrattenimento ha effettuato una ricerca “Negozio, online o Tv? I comportamenti dei consumatori italiani“ con l’obiettivo di valutare le esperienze d’acquisto in negozio, online e in televisione.


Basata su un campione di 2.014 individui, intervistati online, che corrisponde a un segmento di 31,8 milioni di italiani, la ricerca riporta un resoconto dettagliato di quelle che sono le abitudini dei consumatori connessi.

Dalla ricerca emerge che il canale più utilizzato per lo shopping è ancora il retail fisico con una quota dell’80,9%; il web è utilizzato dal 55,2% del campione e nella maggioranza dei casi si sovrappone agli altri canali; la Tv rappresenta il 5,5%.

Nel confronto tra i canali, l’indagine dimostra che fra esperienza d’acquisto in Tv e online, il 95% dei consumatori preferisce l’ecommerce per le offerte e le promozioni, anche se l’acquisto in Tv è apprezzato per l’interazione fra retailer e consumatore, soprattutto nell’assistenza post-vendita. Inaspettatamente, nel paragone fra televisione e negozio fisico, il 61% preferisce la prima.

Concludendo, la ricerca dimostra come l’esperienza d’acquisto, valutata nella sua complessità, trovi la maggiore soddisfazione nell’online e in Tv, anche se il punto vendita tradizionale continua a rappresentare l’abitudine più diffusa.

Alessandro Gaetani

Share

Porte girevoli tra Istituzioni e Banche

Share

Porte girevoli

Le revolving door o porte girevoli rappresentano generalmente il passaggio dal mondo delle istituzioni al mondo del business e viceversa, passaggio attraverso il quale le persone coinvolte portano con sé un inestimabile bagaglio di contatti conoscenze, esperienze che possono essere messe a disposizione dei nuovi datori di lavoro.

Allo stesso modo, anche se meno frequente avviene il meccanismo inverso cioè di manager privati, magari con il ruolo di interlocutori per le relazioni istituzionali, che nel corso della loro carriera mettono la loro professionalità a servizio delle istituzioni.

In Italia se ne è fatto un gran parlare recentemente per via di passaggi da Istituzioni di vigilanza agli organi amministrativi di banche.

Qui la Banca d’Italia dice la sua sui tanti articoli pubblicati dai media sulle porte girevoli nelle banche italiane.

Nel rispetto delle leggi (limite temporale di divieto passaggio a mercato del lavoro privato, ecc.), se da un lato la risorsa di provenienza istituzionale avrebbe potuto presentare benefici per le banche (maggiore attenzione al rispetto di leggi e norme, ecc.) dall’altro sollevava potenziali conflitti di interesse con i quali era necessario confrontarsi, in modo da non compromettere l’integrità di chi ha operato nelle istituzioni e soprattutto la fiducia nelle banche destinatarie, da parte di risparmiatori e investitori.

In particolare i maggiori rischi sono legati a:

Informazioni: l’ex istituzionale può avere accesso a informazioni riservate che ha acquisito durante il suo mandato e può utilizzarle per assicurare un indebito vantaggio per il nuovo datore di lavoro;
Indipendenza: è possibile che l’ex istituzionale possa favorire l’adozione di un determinato regolamento in modo da contrattare così un impiego con un futuro datore di lavoro;
Accesso: l’ex istituzionale in virtù del suo passato all’interno dell’istituzione ha creato un network di contatti con i suoi ex colleghi che possono essere utilizzati per ottenere ingiustificati benefici personali e vantaggi indebiti.

clicca qui per i libri sull’argomento

Per adesso nella relazione di chiusura del proprio operato la Commissione Banche ha proposto il divieto di passaggio da una posizione di controllore a controllato.

Alla prossima legislatura spetta il compito di legiferare per cercare di regolamentare lo scambio di esperienza tra istituzioni e banche.


Alessandro Gaetani

Share

Le novità 2018 per banche e risparmiatori

Share
MIFID 2

Mifid II

La direttiva sugli obblighi di comunicazione e di valutazione del rischio personale del portafoglio da parte degli intermediari finanziari ai risparmiatori.
Siete stati informati? La vostra banca vi ha contattato?
Vi hanno sottoposto il nuovo questionario di adeguatezza da compilare?

Tra le novità c’è la necessità di rispondere a domande “comportamentali” per valutare la propensione al rischio e la capacità di assorbire eventuali perdite al fine di stabilire l’adeguatezza. Sono domande psicologiche!

D’altra parte proprio nel 2017 Richard Thaler ha vinto il Premio Nobel per l’economia per le sue ricerche e studi sul comportamento dei risparmiatori nelle faccende economico/finanziarie

D’altra parte proprio nel 2017 Richard Thaler ha vinto il Premio Nobel per l’economia per le sue ricerche e studi sul comportamento dei risparmiatori nelle faccende economico/finanziarie

L’importante è rispondere alle domande con sincerità perché determineranno le possibilità che avrà l’operatore di fronte di proporvi la sottoscrizione o meno di determinati titoli, prodotti finanziari, ecc.

Emotività, prevenzione, protezione, tutela, istinto e razionalità, saranno le parole chiave per la corretta profilazione sull’orientamento psicologico nei confronti del rischio e non per accertare la competenza tecnica sugli strumenti.
Nessuno potrà più dire “mi sono fidato!”

Psd2

Psd 2

La direttiva sui sistemi di pagamento che introduce la possibilità di accedere ai dati dei conti correnti che abbiamo presso le banche con cui lavoriamo. Rendere trasparente il rapporto con queste ultime grazie ai dati che vengono messi a disposizione dei correntisti.

Trasforma i vari prodotti sottoscritti, mutui, conti di deposito, carte di credito, assicurazioni, ecc. in qualcosa di molto più comparabile tra di loro e usarli per ottenere condizioni migliori.

Alessandro Gaetani

Share

In banca il vademecum per acquistare con sicurezza in Rete

Share

1° Salone dei Pagamenti
Pagamenti digitali sicuri

L’Associazione bancaria italiana (Abi) in collaborazione con ABI Lab, Polizia di Stato, CERTFin e Feduf, promuove l’uso responsabile della tecnologia e degli strumenti di pagamento con una guida che illustra le regole base per concludere senza rischi transazioni di commercio elettronico, usare con attenzione le carte e accedere in sicurezza da pc o cellulare ai canali digitali delle banche.

La guida cartacea è organizzata in sei sezioni: ognuna propone tre messaggi chiave per agire in sicurezza, accompagnata da due pillole informative che traducono e spiegano il significato di termini tecnici di utilizzo sempre più diffuso come phishing, 3DSecure, CVV o malware.

A seguire tre ulteriori messaggi finali sulla gestione delle transazioni commerciali, con particolare riferimento ai rischi rappresentati dalla condivisione via cellulare o posta elettronica delle immagini di strumenti di pagamento (ad esempio foto di assegni, circolari o bancari) oppure alla comunicazione di dati sensibili agli esercenti commerciali.

A chiudere, un utile glossario di parole e concetti chiave.

Prevista anche una versione digitale in forma di infografica destinata ai canali Social e ai siti Web, pubblicata sul sito di Abi Servizi.

Share

Le banche locali e la soft information

Share



Insegna Banca

La funzione base di una banca tradizionale è fare intermediazione
finanziaria (raccolta del risparmio e destinazione di quest’ultimo alle imprese e privati). Il guadagno deriva dal margine sull’interesse (per esempio se remunero al 2% il denaro delle famiglie, chiedo alle imprese il 5%).

Se però la banca è locale si aggiunge il legame con il territorio che genera una funzione-obiettivo che considera esplicitamente i benefici per le diverse categorie di stakeholder (soci, clienti e comunità locale).

Le banche locali, rispetto alle altre banche, si caratterizzano per processi di erogazione del credito maggiormente basati sulla conoscenza diretta della clientela e sull’informazione non strutturata, la cd. soft information, e pertanto più flessibili.

I vantaggi e gli svantaggi derivanti da un utilizzo intenso della
soft information nelle decisioni creditizie sono stati ampiamente studiati dalla produzione letteraria sul relationship lending.

Infatti, i medesimi fattori tipici delle banche locali le espongono a rischi di “cattura” da parte della comunità locale, alle ripercussioni negative (sulla qualità del credito, sugli equilibri di bilancio) di una scarsa diversificazione del portafoglio, alle difficoltà di valutare il merito di credito della clientela quando questa opera in ambiti meno tradizionali per tali banche.

Ecco perchè anche nel nuovo anno appena iniziato si parlerà
di richiesta da parte della Bce di processi di aggregazione,
di bilanci preoccupanti, ecc.

et qui vivunt, videbis.

Alessandro Gaetani


Share