Archivi tag: auto

4 consigli per le polizze dal concessionario

Share


Partendo da un’inchiesta effettuata dall’Associazione di consumatori Altroconsumo presso i rivenditori auto di varie marche automobilistiche , l’Ivass (Organo di vigilanza delle assicurazioni) ha pubblicato un report della successiva analisi svolta sul mercato delle polizze assicurative abbinate dai concessionari auto ai finanziamenti rivolti all’acquisto di veicoli offerti in promozione da diverse case automobilistiche.

Viste le diverse criticità emerse dall’indagine, tra cui i rapporti societari tra case automobilistiche, enti erogatori dei finanziamenti e imprese assicurative tali da produrre situazioni di conflitto di interesse in danno dei consumatori, e l’ elevato livello dei costi delle polizze, dovute ad altissime provvigioni, non giustificabili alla luce dell’attività svolta dai finanziatori/intermediari assicurativi, l’Ente fornisce i seguenti consigli:

1) se intendi accettare un’offerta commerciale per l’acquisto di un veicolo a rate, fai attenzione a eventuali proposte di polizze assicurative a protezione del credito abbinate al finanziamento;

2) se decidi di sottoscrivere la polizza abbinata al finanziamento, sappi che hai diritto di conoscere, prima della sottoscrizione del contratto, caratteristiche, costi, natura ed estensione delle coperture, massimali, eventuali franchigie, scoperti, ecc.;

3) anche dopo aver sottoscritto la polizza, se ritieni di non aver fatto la scelta giusta, hai il diritto recedere dal contratto generalmente entro i successivi 60 giorni (verifica sempre nelle condizioni di polizza);

4) chiedi al concessionario di fornirti un dettaglio separato dei costi per l’acquisto del veicolo, di quelli derivanti dall’operazione di finanziamento e di quelli connessi alla polizza assicurativa.

Alessandro Gaetani

Share

Assicurazioni: i dati IVASS sui reclami

Share
Dati IVASS
Dati IVASS

LIvass (Organo di Vigilanza sulle Imprese assicurative) ha recentemente pubblicato i reclami ricevuti dalle Compagnie di Assicurazioni
(da quest’anno lo farà annualmente).

I dati sono riferiti alle singole Imprese e comprendono: il numero dei reclami totali per ramo di attività, vita, danni e rc auto ricevuti da tutte le imprese vigilate; il numero dei reclami per milione di premi.

“I reclami dei consumatori nei confronti delle imprese di assicurazione sono una “cartina al tornasole” del livello di qualità dei prodotti e servizi assicurativi.” Questo si legge sul comunicato stampa dell’Ente e dal quale estraiamo qualche dato utile a saperne di più:

Nel 2015 le imprese di assicurazione italiane hanno ricevuto 106.908 reclami (+14,1% rispetto al 2014), il 77% concernente, i rami danni e il 23% a quelli vita (a fronte, rispettivamente, del 78% e 22% del 2014).

Il ramo r.c. auto continua a rappresentare il segmento che genera il maggior numero di reclami (48,8%), per lo più riferiti a ritardi e inefficienze nella gestione dei sinistri.

Nel comparto vita sono riferiti in prevalenza a polizze miste e riguardano soprattutto la fase liquidativa, per ritardi nel pagamento di riscatti, somme a scadenza o caso morte.

I reclami gestiti dalle compagnie sono stati accolti nel 34% dei casi, respinti nel 53% e oggetto di transazione con il cliente per l’8%; il 5% era ancora in istruttoria alla fine del 2015. I reclami accolti sono aumentati nell’anno di 6 punti percentuali. Il tempo medio di risposta ai reclamanti è stato di 21 giorni, in lieve diminuzione rispetto al 2014 (23 giorni) e comunque inferiore al termine regolamentare (45 giorni).

Alessandro Gaetani

Share

RC Auto: lotta alle frodi e prezzi in calo

Share

L’IVASS ha pubblicato sul proprio sito internet la prima relazione annuale sull’attività svolta in materia di antifrode.

Si legge nel comunicato stampa, pubblicato dall’Organo di Vigilanza: “In merito all’azione di contrasto alle frodi esercitata dalle imprese assicurative il confronto tra i dati 2012 e 2013 evidenzia un complessivo aumento di tale attività. Nonostante i sinistri denunciati nel 2013 siano diminuiti del 6,5% circa rispetto alla precedente annualità, si registra un incremento di circa il 15% del numero dei sinistri individuati dalle imprese come esposti a rischio frode che, dai 400.000 circa del 2012, passano a 460.000 circa per il 2013”.

Tra gli strumenti utilizzati dalle Compagnie di Assicurazioni per fare da filtro già in fase di assunzione del rischio, troviamo l’istallazione della scatola nera, l’ispezione preventiva del veicolo e il risarcimento in forma specifica.

Inoltre sullo stesso comunicato troviamo la relazione illustrante l’attività svolta dallo stesso Organo di Vigilanza per promuovere e incoraggiare adeguate azioni di opposizione ai fenomeni criminosi, gli accordi e le collaborazioni poste in essere con istituzioni e forze dell’ordine al fine di ridurre il peso economico di tali reati, che grava, in ultima istanza sugli assicurati in termini di maggiori premi.

A tal proposito un ulteriore comunicato stampa dell’IVASS segnala un calo delle tariffe RC Auto segnalando comunque il permanere di forti squilibri territoriali, facendo notare che l’andamento delle stesse si presenta mediamente in diminuzione nel nord dell’Italia, mentre rimane costante, o in aumento al centro sud e per le “due ruote”.

Tale ribasso tendenziale è da ascrivere sicuramente al calo dei sinistri, dovuti anche alla riduzione dei veicoli in circolazione per la crisi e per il continuo sviluppo, soprattutto nelle grandi città, di sistemi di condivisione (car sharing, etc.).

Alessandro Gaetani

Share